Matrici ecologiche e dei sostegni: lo strumento per la redazione dei progetti per il “Dopo e Durante noi” – Legge 112/2016 Visualizza ingrandito

Matrici ecologiche e dei sostegni: lo strumento per la redazione dei progetti per il “Dopo e Durante noi” – Legge 112/2016

PA-16

Docenti:

- Prof. Luigi Croce - psichiatra, Presidente Comitato Scientifico Anffas Nazionale e docente Università          Cattolica di Brescia 
- Dott.ssa Roberta Speziale - Psicologa e responsabile area relazioni istituzionali, advocacy e                 comunicazione Anffas Nazionale
- Avv. Gianfranco de Robertis - Consulente legale Anffas Nazionale

Maggiori dettagli

91 Articoli

122,00 € tasse incl.

Dettagli

Destinatari: 

Il corso è riservato ai soli Matricisti e Case Manager che hanno conseguito il titolo

Durata del corso: 7 ore

Abstract

Il corso fornisce una panoramica dettagliata in merito alla legge 112/2016 guidando alla valutazione multidimensionale ed alla progettazione individualizzata attraverso l’utilizzo dello strumento “Matrici ecologiche e dei sostegni” – versione L.112.
Grazie al corso è possibile approfondire tutti gli aspetti previsti dalla normativa e dalla prassi, nazionale e regionale, per la costruzione di un completo, efficace ed inclusivo progetto individuale, attraverso l’utilizzo dello strumento “Matrici ecologiche e dei sostegni” – versione L.112, il cui funzionamento specifico è illustrato concretamente, passo per passo.

Obiettivo

Il corso si prefigge di spiegare in quale modo è possibile costruire nuovi percorsi di vita indipendente per le persone con disabilità grave, nell’ottica dei nuovi paradigmi della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, così come declinati anche nella recente Legge n. 112 del 2016 sul “durante noi, dopo di noi”.
Il corso consente di acquisire competenze, pratiche ed operative, per la costruzione dei progetti individuali, in cui prevedere le linee di intervento ex lege n. 112/16, grazie all’utilizzo dello strumento “Matrici ecologiche e dei sostegni”, implementando così gli strumenti di cui ogni Regione si è dotata.